EnglishFrenchGermanItalianPortugueseSpanish

Differenziale Autobloccante OSGiken per BMW M3 E46

1.600,00 

Il differenziale OSGiken per BMW M3 E46

Non richiede che siano fatte lavorazioni particolari sulla carcassa per inserirlo, semplicemente si monta cosi com’è, scambiandolo con quello già presente nel vostro cambio. Anche se la macchina ha il cambio automatico SMG, il differenziale si può installare ugualmente.

Noi lo abbiamo installato sulla nostra M3 cambio manuale del 2001 e su una M3 CSL che abbiamo avuto per 2 anni.

La M3 manuale ci ha permesso di vincere tante tappe del Time Attack a Vallelunga, Franciacorta e al RedBullring, o comunque di stare sul podio. Guarda un camera car!

Con la M3 CSL abbiamo fatto un track day a Misano e uno al Mugello e la macchina si è fatta notare fra le BMW nuove.

Guarda il video!

Lo stesso differenziale è installabile sulla M3 E92, quindi se passate alla M3 dopo potete “riciclarlo”.

Suggeriamo di montare dei cuscinetti nuovi, perchè queste macchine hanno ormai 20 anni e tutte almeno 150’000 km e i cuscinetti possono iniziare ad essere rumorosi.

Per installare il differenziale OSGiken è necessario o tornire uno dei 2 giunti che collegano il differenziale ai semiassi. Sono parti già presenti sulla vostra macchina e il vostro meccanico dovrà tornire il giunto più lungo come indicato nel pdf allegato. Side Flange Modification for BMW E46 M3

Un’alternativa è comprare 2 giunti nuovi o usati della M3 E36, che hanno già la lunghezza giusta.

Sono disponibili differenziali OSGiken per i seguenti modelli di serie 3 E46:

316t N42, 318ti N42, 318i M43, 318ci N42, 320i M52 M54, 323i M52, 325i M52 M54, 328i M52, 330i 330Ci M54 con cambio automatico.

318 ti N42, 318i M43, 318Ci N42, con cambio manuale.

330 Diesel con coppia conica 2,81

Scrivete una mail per i dettagli tecnici, il prezzo non cambia.

 

 

 

 

Disponibile (ordinabile)

COD OSGK-LSD-BMW-M3-E46 Categorie , Tag , , , , , , , ,

Dettagli

Informazioni aggiuntive

Rampe disponibili (° gradi)

25/35 STANDARD
altre rampe:
1.1 vie: 3/35, 3/38, 3/45, 3/50 e 3/55
1.5 vie: 25/35, 25/38, 25/45, 30/50 e 35/55
2 vie: 35/35, 38/38, 45/45, 55/55 e 60/60

Numero di vie

1.5

Superlock

Si, 336 Kg

TCD

no

Olio

occorre l'olio specifico OS-Giken, 2 litri

Materiale dei dischi

acciaio su acciaio, non c'è materiale d'attrito, quindi meno usura e meno calore

Numero dei dischi

20

Le caratteristiche del differenziale OSGiken

Il differenziale OSGiken ha diverse caratteristiche che lo rendono migliore degli altri, nonostante sul mercato ci siano già tanti differenziali di ottima qualità.

  1. è l’unico differenziale che non ha limite alla percentuale massima di bloccaggio. Può bloccare fino al 100%. Cosa vuol dire? Significa che se in una curva stretta, una ruota si solleva, la coppia va tutta alla ruota che ha grip. Il concetto di percentuale di bloccaggio può diventare un po’ confuso sia per il livello di conoscenza che c’è in giro sui differenziali autobloccanti, la cui taratura e funzionamento sono difficili e richiedono esperienza pratica e un po’ di studio che non tutti hanno tempo e voglia di fare, sia per come lo intendono nella pratica gli addetti ai lavori e la gente. C’è chi lo confonde con quanto e come viene ripartita la coppia motrice fra i semiassi, chi lo vede come un banale livello di “capacità” del differenziale. Per cercare di capirci qualcosa, ci sembra utile consigliarvi la lettura di questo articolo che abbiamo selezionato per voi: Percentuale di bloccaggio differenziale spiegata
  2. è l’unico differenziale che non ha le controindicazioni dei differenziali a lamelle. Non fa brutti rumori nè vi fa saltellare quando fate manovre strette e guidate normalmente, perchè a basse velocità si comporta come un differenziale aperto. Questo è consentito dal disegno specifico brevettato OSGiken dei componenti interni, in particolare le ruote dentate, che permettono di alloggiare nel differenziale molti più dischi rispetto agli altri. Questo fatto di avere tanti dischi spiega anche il concetto di bloccaggio “fino a”: il trasferimento di coppia è molto più progressivo dei differenziali a lamelle tradizionali, rendendo la macchina più gestibile nei trasferimenti di carico, conservando la massima trazione.
  3. ha bassissima usura, così bassa da non essere più la preoccupazione tipica che affligge i differenziali autobloccanti a lamelle, che in OSGiken è superata. Il vostro differenziale diventerà come il cambio: ogni quanto cambiate l’olio al cambio? Una volta ogni X anni? Una volta all’anno se fate tanti track day? è diffusa la credenza che i differenziali a lamelle siano qualcosa che hanno “vita breve ma intensa”, o vita intensa ma breve: fanno guidare benissimo la macchina ma sei sempre li ad aprirli. In OSGiken non è così: ci sono segni visibili di usura dopo i 150’000 km di utilizzo. Come è possibile? Grazie a come è progettato e come è costruito:
    • Tutti i componenti sono lavorati a partire da particolari leghe di acciaio ad alta resistenza
    • Le ruote dentate sono forgiate
    • La carcassa esterna è costruita a partire da un unico blocco forgiato, per assicurare l’uniformità interna al materiale e meglio direzionare le sue fibre, ottenendo anche più leggerezza.
    • La crociera interna è forgiata.
    • I dischi sono in acciaio,  lavorati e infine rettificati simultaneamente sui 2 lati per assicurare la perfetta planarità entro tolleranze ristrettissime, inoltre, i componenti che poi si accoppiano sono lavorati contemporaneamente, in modo tale da avere un ulteriore grado di affinità meccanica che genera miglior affidabilità. Lo scorrimento delle superfici è acciaio su acciaio, non c’è sfregamento di materiale d’attrito che quindi non si disperde e non degrada l’olio.
    • Tutti i componenti subiscono trattamenti termici e chimici per assicurare la massima durabilità.
  4. La precisione costruttiva e l’ingegnosa progettazione fanno somigliare i prodotti OSGiken ad un grosso orologio svizzero della massima qualità, più che a un ricambio prestazionale di autovettura. I tanti dischi distribuiscono il carico su più superfici, consentendo di mantenere un basso precarico; questo concetto progettuale unito alla maniacale cura usata nella costruzione dei dischi elimina alla radice tanti fenomeni che normalmente partecipano all’usura dei differenziali a lamelle. Si genera meno calore, che rimane distribuito su più superfici, e c’è meno attrito inutile grazie al basso precarico. Il differenziale sopporta sforzi solo quando è necessario, non anche in situazioni in cui la sua azione non è voluta e può essere fastidiosa se non deleteria.
  5. La sua progressività e prevedibilità nell’azione di bloccaggio rende più facile e piacevole la guida alla ricerca del tempo sul giro, e anche più sicura in condizioni di poca aderenza (sporco, pioggia…).
  6. è personalizzabile in molti suoi aspetti: il precarico, le rampe, la progressione di bloccaggio. Questo in parte è già possibile farlo senza acquistare ulteriori componenti, in parte sostituendo parti interne con altre che possono essere scelte fra quelle disponibili o anche eseguite su richiesta. I differenziali, per ogni modello di veicolo a cui sono destinati, sono sempre aggiornati in OSGiken sulla base dell’esperienza su strada e nelle gare (ricordiamo che i differenziali OSGiken sono destinati ad auto stradali, da pista, da rally, da gara in salita, drift, fuoristrada, veicoli commerciali leggeri, questo dal 1975) e vengono consegnati nuovi già con la configurazione ottimale per l’uso che richiederete. Si possono sempre modificare dopo, se ne sentirete ancora il bisogno.

Il sistema di controprecarico per le basse velocità Superlock

Il sistema Superlock è un’invenzione brevettata OSGiken, che serve ad annullare il precarico innescato dalle molle a tazza, ma solo a basse velocità e ai bassi carichi. Serve anche a rendere più progressiva l’azione di blocco del differenziale perchè permette di modulare la forza con cui i due pacchi dischi vengono compressi.

Il “trucco” usato da OSGiken è molto semplice: i 2 anelli che contengono i planetari e la crociera e su sui sono scavate le rampe, invece di essere separati e semplicemente alloggiati uno contro l’altro dentro al differenziale, ma liberi di compiere piccoli movimenti assiali, sono premontati assieme. Ci sono dei tiranti passanti, alloggiati in opportune cavità in cui sono innestate delle molle, semplici molle elicoidali, che tengono i 2 anelli premuti uno contro l’altro e chiusi su crociera e planetari. Questo vanifica (da fermo) la spinta delle molle a tazza che generano il precarico e ha come effetto la rimozione degli effetti negativi del precarico dei differenziali a lamelle, quello di saltellare in manovra, di pre-usurarsi, perchè annullando il precarico, il differenziale si comporta (a basse valocità!) come un differenziale aperto: i dischi non lavorano.

Quando il differenziale inizia a lavorare, perchè una ruota gira più velocemente dell’altra, la crociera inizia a lavorare sulle rampe per allontanare i 2 anelli e comprimere i pacchi dischi. Fin qui, questo avviene in tutti i differenziali a lamelle (incluso l’OSGiken). Nel Superlock di OSGiken, essendo i 2 anelli premuti uno contro l’altro dalle molle, l’azione di allontanamento  innescata dalle crociere sulle rampe deve vincere la pressione delle molle elicoidali mentre preme i dischi. Questo rende progressiva e controllata l’azione di compressione sui pacchi dischi, e quindi la generazione della coppia sui due assali, e l’arrivo di questa alle ruote.

In anni di ricerca, OSGiken ha stabilito diverse combinazioni di molle (la loro quantità e la loro rigidità) che permettono, per ogni differenziale a catalogo, di stabilire la progressione voluta. La “figata” dell’OSGiken è che oltre ad avere questo sistema, che gli altri non hanno e non possono avere perchè è brevettato, il Superlock è pure regolabile! Le molle possono essere variate in numero e rigidezza, per regolare la progressione del blocco del differenziale, anche dopo l’acquisto.

Mesi dopo, o anni dopo l’installazione, se ad esempio cambiate l’assetto della macchina, la distribuzione dei pesi, o montate un’ala al posteriore (e quindi aumenta il carico sul posteriore), o ancora aumentate tanto la potenza e la coppia, potete aprire il differenziale e togliere qualche molla (o aggiungerne), o scambiarle con molle più rigide, e cambiare il comportamento del differenziale. Le molle potete acquistarle da noi e stabilire come cambiarne la configurazione seguendo il supporto di OSGiken o anche l’esperienza del vostro preparatore, che imparato il trucco non potrà non apprezzarlo.